Settimana 52

L'ultima settimana del 2022

Un anno da ricordare…

Il 2022 è stato sicuramente un grande anno per Magic, per tante ragioni diverse.

  1. Magic diventa il primo marchio di Hasbro ad essere quotato più di 1 miliardo di dollari (Fonte);
  2. Vengono stampate circa 10500 carte (tra carte nuove, ristampe e versioni alternative delle stesse carte), che rappresentano il 14.7% del totale delle carte stampate nella storia di Magic, dal 1993 ad oggi (Fonte);
  3. Torna il circuito competitivo dopo due anni di assenza causa COVID.

La prima notizia è sicuramente positiva: un brand che cresce, funziona e fa guadagnare i propri investitori, invogliandoli a continuare ad investire per aumentare ulteriormente i profitti, dovrebbe essere destinato a prosperare per lungo tempo. E questo è sicuramente quello che tutti gli appassionati del gioco vogliono sentirsi dire.

Ma per capire le cause che hanno portato a questo “successo” è sufficiente spostarsi al secondo punto dell’elenco di cui sopra, che riguarda il numero di carte stampate nel 2022. Il brand è infatti cresciuto tanto e ha guadagnato maggior valore perchè ha venduto tantissimo, ed ha venduto tantissimo perchè sono state stampate una marea di carte nuove, mai così tante in un solo anno, da quando esiste il gioco. E questa notizia non è stata accolta positivamente dagli investitori tant’è che, a novembre, la Bank of America ha downgradato il brand “Magic” sconsigliando ai potenziali nuovi investitori di comprarne le relative azioni. Secondo la Bank of America, la Wizards sta distruggendo il valore del prodotto nel lungo termine a causa dei quantitativi massicci di carte stampate nell’ultimo anno (Fonte). A questa accusa piuttosto pesante, Hasbro ha risposto ad inizio dicembre dichiarando che:

there is no evidence cards are overprinted (Fonte)

Con questa affermazione, che vuole chiudere la faccenda in maniera sbrigativa senza dover dare ulteriori spiegazioni, la Wizards pare aver mandato al mittente le accuse di overprinting, anche se più di un dubbio rimane. Se siamo tutti d’accordo che la modalità migliore di vendere un prodotto come le Magic è stamparne tante, dall’altra parte l’accusa di overprinting con conseguente perdita di valore nel medio termine non pare essere campata per aria. Probabilmente vedremo le conseguenze di questa politica nei prossimi 2-3 anni, sperando che le cose vadano per il meglio sia per la Wizards che per i giocatori.

Infine, il ritorno al gioco organizzato, la più grande ri-conquista dell’anno che sta per finire. Sebbene non abbiamo ancora avuto modo di assistere ad un vero e proprio Pro Tour del nuovo corso, il nuovo sistema di WPNq pare funzionare. Anche i big event (quelli che una volta si chiamavano GP o MagicFest) sono ripartiti con una cadenza praticamente mensile, almeno per quanto riguarda l’Europa.

Nonostante l’attuale gestione del circuito competitivo targata Legacy abbia destato più di una preoccupazione, e ci abbia fatto rimpiangere i tempi pre-pandemia, per il momento il bilancio del nuovo sistema deve comunque essere positivo. Gli eventi ci sono ed in grande quantità, i costi dei WPNq sono ragionevoli e non è necessario dover andare ad un GP per ottenere uno slot al Pro Tour Regional. Questo permette anche ai giocatori con meno disponibilità economiche e/o meno tempo libero di poter comunque tentare la strada per la qualificazione al Regional, con delle modalità diverse da quelle offerte dalle due piattaforme online della Wizards. Ed è questo, a mio avviso, il grande merito del nuovo sistema competitive: dare a tutti la possibilità di provare a qualificarsi per il prossimo Pro Tour. E secondo me non potevamo veramente chiedere di meglio per il 2022.

…ed un ultimo saluto da Ancestral Magic

Ancestral Magic nasce nel 2017, dall’idea di un amico che mi mette a disposizione, gratuitamente, uno spazio per parlare di Magic. L’idea, partita più come un gioco che altro, era quella di pubblicare contenuti con una certa regolarità, rimanendo aderente ai miei interessi personali in termini di formati, eventi ecc. Ma, come succede spesso con queste cose, con il passare del tempo mi sono appassionato al blog, e ho deciso di ampliare il lavoro cercando di rendere più curati e maggiormente esaustivi gli articoli, dandomi delle scadenze settimanali entro cui pubblicare. Il blog si trasforma così da hobby a “secondo lavoro”, che però difficilmente si può conciliare con i ritmi della mia vita privata, soprattutto dopo l’arrivo di mia figlia ed il cambiamento di azienda per cui lavoravo. Purtroppo, tenere aperto un blog su Magic e curarlo nel modo giusto non dev’essere un hobby, ma un lavoro a tempo pieno, a cui dover dedicare tempo ed energie, due risorse preziose che al momento non posso dedicare al blog. E così ho gradualmente calato il numero di articoli pubblicati fino ad arrivare all’ultimo anno, in cui mi sono limitato ad aggiornarvi settimanalmente sugli eventi in programma e sui risultati del weekend precedente. Un’attività sicuramente poco impegnativa, ma anche di poco valore aggiunto. Ed è per questo che ho deciso che quello di oggi sarà l’ultimo articolo di Ancestral Magic, almeno per qualche anno. Mi piacerebbe molto poter ripartire con il progetto, magari trovando qualche collaboratore che mi aiuti a pubblicare contenuti di qualità, ma il momento non è questo.

Spero che in questi 4 anni e mezzo vi siate divertiti a leggere il blog e che abbiate trovato qualche spunto interessante per il mazzo da giocare al vostro prossimo evento o magari la data importante di un torneo che vi eravate dimenticati. Spero anche che continuiate a giocare a Magic, così come ho intenzione di fare io, anche se sicuramente con meno intensità rispetto al passato. Sperando anche che, come ho scritto sopra, la Wizards continui a mantenere il gioco vivo e attivo come ora, e non lo faccia morire come è già successo ad altri giochi di carte collezionabili.

Vi auguro il meglio per il 2023 e per il vostro futuro, che sia (o meno) pieno di Magic. Ci vediamo in giro!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *