Settimana 51

Il ritorno dell'Arena Decathlon per il 2023!

Torna l’Arena Decathlon ad inizio 2023

Tra gli annunci di oggi lunedì 19/12, la Wizards ha comunicato il ritorno dell’Arena Decathlon, a partire dal primo gennaio 2023 e fino alla metà del mese stesso. Con modalità simili a quelle dello scorso anno, si potranno giocare 10 eventi in 10 formati diversi per ottenere uno (o più) gettoni di qualificazione all’evento finale. I 10 eventi “Preliminary” avranno un costo di iscrizione di 2000 gold o 400 gemme e saranno così suddivisi:

  • 1-4 gennaio: Jump-In e Pauper
  • 4-7 gennaio: Dominaria mixed Sealed (Dominari, Dominaria United e Brother’s War) e Standard con Gift Bag Emblem
  • 7-10 gennaio: The Brother’s War Traditional Draft (BO3) e Alchemy
  • 10-13 gennaio: Neon Dynasty Bot Draft e Traditional Explorer (BO3)
  • 13-16 gennaio: Omniscence Phantom Bot Draft e On The Edge

Mentre per quanto riguarda le finali, saranno ad ingresso gratuito, fino ad un massimo di 2 tentativi, a patto di aver collezionato altrettanti gettoni. Le date e il formato saranno:

  • 21-22 gennaio: Arena Decathlon Finals in formato Traditional (Best-of-Three) Phantom Duplicate Sealed – “Each player will receive an identical pool of cards to build their deck. There are many possible decks, so choose wisely!”

Tutti gli eventi saranno in formato BO1, salvo dove diversamente specificato. Trovate tutti i dettagli, inclusi i premi degli eventi Preliminary e delle Finali, a questo indirizzo.

Il fine settimana di Natale

Durante il prossimo weekend non ci saranno eventi di rilievo sia in Italia che nel resto del mondo, visto che sarà il fine settimana delle festività natalizie. Perciò, oltre ai miei auguri per un felice Natale da passare assieme ad amici e parenti, vi lascio con alcune decklist delle ultime Challenge disputate su MTGO.

Standard

In un formato dominato dai midrange, dove Grixis sembrava essere il Tier 1 indiscusso, a dominare le Challenge del weekend è stata questa lista UR pilotata dal giocatore “Mogged” che ha ottenuto il primo posto alla Challenge di domenica e il secondo posto a quella del sabato.  Il mazzo è un classico control, che unisce ad una serie di early interaction, come counterspell e removal, un solido piano di late game grazie a Cityscape Leveler e Skitterbeam Battalion. Per velocizzare il cast di queste spell, l’archetipo usa le powerstone, tra cui The Mightstone and Weakstone, e Fable of the Mirror Breaker, altro discreto acceleratore e motore di vantaggio carte. Evidentemente il suo matchup contro i vari Midrange deve essere ottimo, visti gli eclatanti risultati del weekend. Da provare assolutamente.

Pioneer

Izzet Phoenix vince la Challenge della domenica, confermandosi ai vertici del formato, anche se salgono le quotazioni di Bant Spirits, che arriva con due copie nella top 4 dell’evento domenicale. In top 8 troviamo anche due copie di Gruul Midrange, particolarmente efficace quando Green Devotion è all’apice del formato, e due copie di Hidden Strings, altro archetipo che può facilmente battere mazzi come Green Devotion e Gruul, visto che questi non hanno modo di interagire con la combo del mazzo. Da ultimo vi segnalo anche l’ottavo archetipo della top, 4C Creativity che, in Pioneer, punta a risolvere Creativity con X=2 per mettere in gioco contemporaneamente le uniche due creature del mazzo ( Xenagos, God of Revels e Worldspine Wurm) per chiudere la partita con un singolo attacco,

Modern

In un Modern che sembra essere nuovamente dominato da UR Murktide (e Rakdos Scam), le due Challenge del weekend ci offrono tre liste da guardare con interesse.

Il primo outsider si chiama Temur Aggro ed è una versione di UR con splash verde per il potente planeswalker a 2 mana Wrenn + Six, ed il ritorno di un intramontabile classico come Tarmogoyf, unito al power level di Urza’s Saga per tutorare il classico pacchetto di artefatti a 0 e 1 mana. Il mazzo sembra voler fare un po’ troppe cose, ma potrebbe anche funzionare. Sulla stessa scia di midrange con Saga di Urza, troviamo il ritorno di Jund Saga, che si piazza al secondo posto della Challenge di sabato. Interessante la scelta di giocare soo 8 creature (+ Haywire Mite), puntando tutto su un piano molto interattivo con 6 scartini e 9 spot removal, + 4 Fable of the Mirror-Breaker, ormai onnipresenti in tutti i formati. L’ultimo mazzo, più che un outsider, è una nuova versione di Creativity che, dopo le versioni 5C e Jund, sembra aver trovato una nuova dimensione con questa lista Temur + Black. Il nero rimane solo come splash per un eventuale cast dalla mano di Archon of Cruelty, per avere una manabase più solida e rispondere più facilmente a Blood Moon, con il ritorno di 2 Boseiju, Who Endures maindeck e l’ampliamento del parco counter a 4 Spell Pierce + 2 Mana Leak. Probabilmente la scelta giusta, in un field dominato da UR e RB.

E con questo chiudiamo l’aggiornamento prenatalizio, ci sentiamo il 26/12!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *