Settimana 7

Standard, Modern, Legacy e Neon Dynasty

Decklist Standard: Week 0

Con l’uscita di Neon Dynasty, è iniziato il deckbuilding selvaggio alla ricerca del nuovo Tier 1 dello Standard. Sebbene nelle prime settimane di un nuovo formato, a dominare sono solitamente i mazzi aggressivi, ho trovato alcune liste interessanti di archetipi non propriamente “aggro”.

  • Mono Red Aggro by Jim Davis: questo è sicuramente il più aggressivo dei mazzi di oggi. Interessante notare come, prima di Kamigawa, Mono Red fosse praticamente ingiocabile in Standard mentre, con l’uscita del nuovo set, il mazzo sia passato al rango di Tier 1.
  • Azorius Vehicles by Crokeyz e CovertGoBlue: portato sotto i riflettori dai due streamer più popolari di formati Constructed, UW Veicoli è un ottimo mazzo midrange che può chiudere la partita in un paio di turni grazie a beater di tutto rispetto come Hall of the Storm Giants e Lion Sash “giganti”. La lista è sicuramente migliorabile, ma lo shell è molto interessante e sembra avere buone potenzialità in un formato più “stabile”.
  • 5C Kami War by Jim Davis: archetipo sicuramente fuori dagli schemi, questo 5C punta tutto sulla nuova saga leggendaria, che genera parecchio vantaggio carte e si trasforma in un’ottima chiusura. La base del mazzo è quella dei classici archetipi R/G che sfruttanto Jaspera Sentinel e Magda per generare tanto mana, di tutti i colori e in poco tempo. Non garantisco sull’efficacia, ma dev’essere sicuramente molto divertente da giocare.
  • Selesnya Enchantments by Jaffer: altro archetipo che si è visto girare nei vari stream su Twitch, e di cui ne esistono più versioni, GW usa la statica di Jukai Naturalist per lanciare anche 3-4 incantesimi in un turno solo e chiudere la partita con Portrait of Michiko o coi token generati da Hallowed Haunting.

Sembra quindi che ci sia il materiale per un sacco di nuovi mazzi in Standard. Potremo sicuramente avere un assaggio del nuovo formato il prossimo weekend al torneo organizzato da Crokeyz, completamente gratuito, e al quale si sono già iscritti quasi 600 giocatori. Il torneo si giocherà su Arena a partire da sabato mattina, e le iscrizioni sono ancora aperte al link che vi ho proposto sopra.

Com’è andata la SCG CON di Philadelphia

Come tutti gli eventi live, di questi tempi, anche l’ultima SCG CON è andata molto bene. Il primo main event Modern ha raggiunto il cap di 400 giocatori, mentre il secondo ne ha visti registrati 370. Per quanto riguarda il Legacy domenicale, 325 sono stati i partecipanti, il che conferma il grande succcesso dell’evento, considerando anche i numeri delle decine di side events che hanno popolato l’intero weekend. Ma andiamo adesso a vedere qualche risultato.

Per quanto riguarda il Modern, le liste dei due main event le trovate qui e qui. Senza soffermarsi troppo sui vincitori dei singoli eventi, si può chiaramente notare come la top 16 di entrambi rifletta bene la diversità che caratterizza il Modern degli ultimi mesi, con all’apice del formato Hammer Time, Grixis Shadow e Izzet Murktide. Sono comunque presenti, almeno in singola copia, anche i Tier 1.5 e Tier 2 del formato, come Belcher, Temur Footfalls, 4C Omnath Pile, Living End e Jund Sagavan.

Per quel che riguarda il Legacy, in un mondo senza Ragavan sale sul gradino più alto del podio Selesyna Reclaimer, un bel mazzo che sfrutta un toolbox di terre tutorabili con Elvish Reclaimer, carta che da il nome al mazzo. Il resto della top 16 è piuttosto varia e, oltre ad UW Control che pare essere l’archetipo più popolare, troviamo Izzet Delver, Food Chain, Mono Blue Affinity, Oops All Spells, Lands e altri archetipi. Trovate tutte le 16 liste qui.

Da ultimo, vi ricordo che a questi eventi, le carte di Neon Dynasty non erano ancora giocabili. E’ per questo che non c’è traccia delle carte del nuovo set in tutte le top 16 proposte.

E con questo è tutto per oggi, a lunedì prossimo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *