Settimana 31

La top 8 delle PT Finals e l'Arena Open Historic

La top 8 delle Players Tour Finals

Dopo 14 round di Standard, in un formato piuttosto monotono e assolutamente dominato da Temur Reclamation e dalle sue veratianti, la top 8 è così composta:

  • Patrick Fernandes, Temur Reclamation
  • Michael Jacob, Mardu Winota
  • Riku Kumagai, MonoBlack Aggro
  • Christoffer Larsen, Jund Sacrifice
  • Raphaël Lévy, Azorious Control
  • Kristof Prinz, 4C Reclamation
  • Ben Weitz, 4C Reclamation
  • Allen Wu, Temur Reclamation

A ben vedere, limitandosi a guardare solo la top, il dominio di Temur Rec non sembra così netto. In realtà, se diamo un’occhiata al metagame breakdown, ci accorgiamo che la sua presenza è piuttosto oppressiva.

Players Tour Finals day 1 metagame breakdown (courtesy of Wizards of the Coast)

Come potete vedere dall’infografica qui sopra, al day 1 delle PT Finals, Temur Rec conquista più del 50% di metagame share se sommiano le versioni 3 e 4 colori. Il secondo archetipo più giocato è Bant Ramp, che potremmo definire una variazione sul tema di Temur Rec, visto che ne condivide il piano Ramp. In terza posizione, ma con soltanto il 6% di metagame share, troviamo MonoGreen Aggro e, subito sotto, MonoWhite Aggro. Come potete vedere, gli unici archetipi aggro del formato superano di poco il 10% del metagame delle finali, ma soltanto se sommati assieme.

Players Tour Finals day 2 metagame breakdown and conversion rate (courtesy of Wizards of the Coast)

Al day 2 le cose non sembrano essere migliorate, anzi. Le performance migliori, in termini di conversion rate, le ottiene 4C reclamation, a mani basse. L’aggiunta di Teferi, Time Raveler è ovviamente game breaker in mirror e, senza una presenza massiccia di archetipi aggressivi in grado di punire una manabase più instabile, l’archetipo pare ovviamente favorito. Il cugino a 3 colori non ha una conversion rate così invidiabile, ma rappresenta ugualmente, se preso singolarmente, il 39% del field anche al day 2. Gli archetipi aggro performano invece piuttosto male: Monogreen e Rakdos Sacrifice sono praticamente i peggiori archetipi del torneo. Soltanto MonoWhite ottiene un decorso 50% di conversion rate, seguito a ruota da Jund Sacrifice, che si posiziona al 43% circa.

Per seguire la top 8 e vedere chi diventerà campione delle PT Finals di questa stagione, sintonizzatevi su Twitch il prossimo weekend, a partire dalle ore 18 italiane.

I risultati del Red Bull Untapped UK Qualifier

Al Qualifier Inglese per il Red Bull Untapped 2020, la top 8 appare sicuramente più varia che alle PT Finals. Tra i vari archetipi presenti troviamo infatti sia MonoWhite che MonoGreen Aggro, Jund Sacrifice, Golgari Adventures, Planeswalker 4C, Bant Ramp e l’immancabile Temur Rec. Trovate i risultati finali del torneo e tutte le decklist qui.

L’Arena Open Historic

Il prossimo weekend torna l’Arena Open, questa volta in formato Historic. Come per la scorsa edizione, il torneo sarà composto da due fasi: il day 1 sarà in Historic BO1 e chi otterrà almeno 7 win (su un massimo di 9 round) si qualificherà al day 2. Il formato della seconda giornata sarà Historic BO3 e chi otterrà almeno 7 win (sempre su un massimo di 9 round) porterà a casa l’ambito premio di 2000 dollari cash. I premi, per chi raggiunge il day 2, sono comunque interessanti anche con un numero inferiore di win. Il costo di ingresso al torneo è 20k gold o 4k gemme. Tutte le informazioni, inclusi gli orari di iscrizione e di apertura del torneo, le trovate qui.

E con questo è tutto anche per oggi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *