Il metagame Standard di marzo

Il ritorno di Temur, direttamente da Eldraine

Dopo la World Championship, il destino dello Standard appariva segnato. Al vertice sembravano esserci solo tre archetipi, con scarsa possibilità di manovra per altre liste. I tre mazzi di cui sto parlando sono U/W Control, vincitore del torneo, e la coppia Jeskai Fires + MonoRed, due dei mazzi più di successo sia alla World Championship che su MTGO. L’unico altro archetipo in grado di competere coi 3 Tier 1 sembrava essere Bant Midrange, anche se la lista doveva ancora essere tunata al meglio.

Il DreamHack Anaheim

Tuttavia, una settimana dopo, al DreamHack Anaheim in California, ecco che un outsider riesce ad imporsi in un field di circa 100 giocatori. Stiamo parlando di Aaron “littlebeep” Gertler e della sua lista di Temur Clover, che vi riporto qui sotto:

(Per altre decklist dell’evento, vi invito a consultare questo link).

Temur Clover by littlebeep, winner at DreamHack Anaheim

Creatures (24)
4 Beanstalk Giant
4 Bonecrusher Giant
4 Brazen Borrower
4 Edgewall Innkeeper
4 Fae of Wishes
4 Lovestruck Beast
Non-creatures (9)
3 Escape to the Wilds
1 The Great Henge
1 Incubation // Incongruity
4 Lucky Clover
Lands (27)
4 Breeding Pool
3 Steam Vents
4 Stomping Ground
2 Temple of Abandon
1 Temple of Epiphany
1 Temple of Mystery
6 Forest
4 Island
2 Mountain

Sideboard (15)
1 Escape to the Wilds
1 Shadowspear
3 Aether Gust
1 Disdainful Stroke
1 Negate
1 Fling
1 Return to Nature
1 Domri’s Ambush
1 Storm’s Wrath
1 Once and Future
1 Chandra, Awakened Inferno
1 Mystic Repeal
1 Sorcerous Spyglass

Fae of Wishes // Granted (ELD)

Beanstalk Giant // Fertile Footsteps (ELD)

Lucky Clover (ELD)

Come potete immediatamente vedere, la maindeck (terre a parte) è composta praticamente per intero da carte di Thorne of Eldraine, perciò il mazzo non può sicuramente essere definito una novità. Ed in effetti, avevamo già visto qualcosa di simile poche settimane dopo l’uscita dell’espansione di settembre ma, ai tempi, l’archetipo non aveva raggiunto sicuramente le vette del formato.

Il piano del mazzo è abbastanza semplice: sfruttare l’interazione tra Edgewall Innkeeper, Lucky Clover e magie con Adventure per generare un vantaggio carte enorme, troppo difficile da arginare sia per mazzi controllo come U/W che per liste combo come Jeskai Fires. E’ molto importante notare come le magie migliori della lista (Clover ed Innkeeper) abbiano un CMC basso e siano perciò difficili da counterare per un mazzo come U/W, i cui counter diventano solitamente attivi a partire dal turno 3. E’ per questo che Temur è libero di risolvere indisturbato le sue magie migliori nei primi turni di gioco, e trasformare poi le magie con Adventure in motori di vantaggio incrementale che U/W non può arginare.

La vera all-star della lista è sicuramente Fae of Wishes, che ci garantisce l’acceso a 13 magie aggiuntive dalla side, permettendoci di trovare risposte a più o meno tutte le situazioni. L’unico problema della fatina è il CMC. Spesso non avremo il lusso di poter perdere un turno intero per fare un tutore, e ci dovremo accontentare di risolverla come 1/4 volare per 2 mana, sopratutto con MonoRed. A proposito: l’archetipo monocolore è sicuramente il peggior nemico di Temur, ma post-side entrano le 3 copie di Aether Gust a darci una mano. Diciamo anche che, se l’avversario non riesce a risolvere Lucy Clover, Brazen Borrower  e Bonecrusher Giant dovrebbero bastare a farci guadagnare il tempo necessario per stabilizzare la board, e vincere poi in un paio di turni coi volanti o con Beanstalk Giant.

Per quel poco che ho potuto provare finora, il mazzo mi è perso molto forte e anche molto solido, avendo veramente la possibilità di giocarsela un po’ contro tutti gli archetipi dello Standard attuale.

La Mythic Point Challenge: Ikoria

Probabilmente è anche per questo motivo che Luis Scott-Vargas lo ha giocato all’ultima Mythic Point Challenge, ottenendo un discreto 10-0. La lista è la stessa di littlebeep, e la potete ritrovare qui, assieme alle migliori liste della Mythic Point Challenge.

Tra i vari archetipi che hanno ottenuto 10 win all’evento, oltre ai mazzi più blasonati e conosciuti, vi segnalo:

  • Sultai Ramp, mazzo già giocato in diverse versioni da Andrea Mengucci, che sfrutta il raw power di alcune delle migliori magie gold del formato per dominare la board in mid-late game. Il suo problema n°1 è il pessimo matchup da MonoRed;
  • Rakdos Sacrifice e Jund Sacrifice: archetipi che ormai si sono fatti conoscere nel metagame Standard e che, evidentemente, continuano ad essere competitivi nonostante l’ascesa di U/W Control;
  • Temur Reclamation: seguendo quanto scritto da Martin Juza in questo articolo, questa versione di Temur sembra essere il modo migliore per affrontare sia Temur Clover che U/W Control e Bant Midrange. Vedendo anche le 10 win raggiunte alla Mythic Point Challenge, è il prossimo mazzo che mi sono promesso di testare in Standard.

A due settimane dalla World Championship, lo Standard sta quindi affrontando cambiamenti importanti, soprattutto se consideriamo la monotonia che aveva contraddistinto gli stessi mondiali. Nonostante MonoRed rimanga il mazzo da battere, ed è meglio che nessuno si dimentichi mai della sua presenza, diverse strategie midrange/control sembrano poter emergere. Come sempre, la presenza di un formato piuttosto statico favorisce la nascita di nuovi mazzi che ben si inseriscono in quel determinato momento ed in quel preciso metagame, per poi magari sparire un paio di settimane dopo. Questo non sembra essere il caso di Temur Clover, che si sta imponendo come nuovo Tier 1. Ma anche gli altri archetipi si stanno adeguando velocemente, adottando soluzioni più o meno permanenti allo stesso Lucky Clover come Casualties of War, Knight of Autumn ed Embereth Shieldbreaker.

Casualties of War (WAR)

Knight of Autumn (GRN)

Embereth Shieldbreaker // Battle Display (ELD)

Basteranno queste magie ad interrompere il dominio del nuovo Tier? Lo scopriremo nel giro di un paio di settimane. Intanto continuate a seguirci, perchè nelle prossime settimane torneremo a parlare di Modern e di Historic!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *