Il Limited di Theros: Beyond Death - Colorless

L'analisi di tutti gli artefatti e delle terre del nuovo set in ottica Limited

Siamo arrivati al capitolo conclusivo della nostra analisi delle carte di Theros: Beyond Death nei formati Limited. Con l’articolo di oggi, dedicato alle magie multicolore e alle terre, chiudiamo il capitolo Limited del nuovo set (almeno per ora). Ma prima di partire uno sguardo veloce ai punteggi che andrò ad assegnare alle singole carte:

5.0: Il meglio in assoluto (Oko, Thief of Crowns. The Great Henge)
4.5: Carta molto forte ma non imbattibile, o che comunque richiede di costruirci un mazzo attorno (The Circle of Loyalty. Lochmere Serpent)
4.0: Una rara forte oppure una delle migliori uncommon (Gadwick, the Wizened. Slaying Fire)
3.5: Una delle migliori comuni oppure una non comune solida (Bake into a Pie. Archon of Absolution)
3.0: Una carta che gioco sempre, se sono di quei colori (Ardenvale Tactician. Rimrock Knight)
2.5: Una buona carta che difficilmente non includerò nelle mie 40 (Rosethorn Acolyte. Animating Faerie)
2.0: Un buon filler, che non sempre viene incluso nel mazzo (Garenbrig Squire. Tempting Witch)
1.5: Un filler che giocherò nel 50% dei miei mazzi (Bartered Cow. Seven Dwarves)
1.0: Un filler che non sono quasi mai contento di giocare (Beloved Princess. Roving Keep)
0.5: Una carta che non giocherò mai maindeck, ma che può avere degli utilizzi in sideboard (Return to Nature. True Love’s Kiss)
0.0: Una carta ingiocabile (Happily Ever After. Deafening Silence)

Eccoci di nuovo ai blocchi di partenza. 3, 2, 1… via!

Artefatti

Altar of the Pantheon – 2.0

Altar of the Pantheon

Se siamo alla ricerca di fixing, questo Altare ci potrà dare una mano, soprattutto in Seaed, dove saremo maggiormente interessati a splashare l’eventuale bomba del terzo colore. In Draft, non mi sembr granchè.

Bronze Sword – 1.5

Bronze Sword

Per essere un equipaggiamento che da +2/+0 ad una creatura, Bronze Sword è piuttosto lenta e non sarò mai molto entusiasta di giocarla nel mio mazzo. E’ vero che in questo formato ci sono tante creature con molta costituzione, ma questo equipaggiamento è veramente mooolto lento.

Entrancing Lyre – 3.5

Entrancing Lyre

Entracing Lyre è un ottimo modo per bloccare, in maniera permanente, la miglior minaccia dell’avversario. Inoltre, potremo decidere quando stapparla ed utilizzarla per bloccare una eventuale seconda minaccia, più pericolosa della precedente.

Mirror Shield – 1.0

Mirror Shield

Dare hexproof ad una creatura è decente, ma il costo è vermente alto e gli altri bonus forniti da questo equipaggiamento sono così marginali da spingermi a non giocarlo praticamente mai.

Nyx Lotus – 2.0

Nyx Lotus

Nonostante abbia il potenziale di accelerarci anche di 3-4 mana al turno 5, bisognerà poi avere un modo dove spendere tutto questo mana. In effetti, in questo set non ci sono tantissimi modi per utilizzare tutto questo mana, perciò non credo sia una buona magia da Limited.

Shadowspear – 2.5

Shadowspear

Sicuramente migliore di Bronze Sword, Shadowspear si equippa per un basso costo di mana e dà dei bonus carini alle statistiche. L’abilità attivata che fa perdere hexproof ed indistruttibile può avere senso anche in Limited, per gestire un eventuale dio o una creatura con hexproof.

Soul-Guide Lantern – 2.0

Soul-Guide Lantern

Non escludo di giocare maindeck questa magia, soprattutto nel mio mazzo Sealed, visto che si cicla per poco mana ed è in grado di gestire una (o più) minacce con Escape nel cimitero dell’avversario. Giocabile anche in Draft, sia di main (se sono corto) che in side.

Thaumaturge’s Familiar – 1.5

Thaumaturge's Familiar

Fillerissimo. E’ migliore in mazzi più lenti, visto che ci permette di guadagnare tempo, mentre in mazzi aggressivi è praticamente ingiocabile anche come filler.

Thundering Chariot – 3.0

Thundering Chariot

Le statistiche di questo veicolo sono buone, anche in virtù del fatto che si pilota con un solo mana. Non è un must play in mazzi più lenti, ma se sono aggressivo lo giocherò sempre volentieri.

Traveler’s Amulet – 2.0

Traveler's Amulet

Se siamo alla ricerca di fixing, Traveler’s Amulet fa al caso nostro, e ha il vantaggio di poter essere giocato in qualsiasi mazzo. Purtroppo questo artefatto non farà molto di più nel nostro mazzo Limited, quindi non capiterà così spesso di giocarlo, soprattutto in Draft.

Wings of Hubris – 1.0

Wings of Hubris

Filler bruttino ma che potrei inserire post side contro archetipi in cui è importante avere creature evasive. E’ maindecckabile in Sealed.

Terre

Field of Ruin – 0.0

Field of Ruin

Di terre non base ce ne sono veramente poche in questo Limited, e rischiamo che Field of Ruin abbia zero target nel mazzo dell’avversario. Perciò non lo giocheremo mai, neanche come pseudo fixer.

Labyrinth of Skophos – 3.0

Labyrinth of Skophos

Questo labirinto è ottimo per tenere indietro il miglior pezzo dell’avversario, facendoci guadagnare un sacco di tempo. Il suo unico problema è che attivarlo costa tanto mana, perciò ci rallenterà nello sviluppo della board. Attenzione perchè giocare una terra incolore in un mazzo con più di 2 colori potrebbe essere rischioso, perciò non lo giocheremo proprio in tutti i mazzi.

Templi – 2.5

Temple of Deceit

Ci fixano il mana e ci migliorano le pescate. Se sono di almeno uno dei nostri colori li giocheremo sempre, e saremo ancora più contenti se ci aiuteranno a splashare un eventuale terzo colore.

Unknown Shores – 2.0

Unknown Shores

Carta più da Sealed che da Draft, Unknow Shores è un fixer abbastanza brutto, ma ci aiuterà quando vorremo giocare la nostra bomba off color. Non sarò mai contento di giocarla, ma in questo set non c’è molto di meglio.

Il formato in sintesi

Come è apparso chiaro dai precedenti capitoli della nostra analisi, Theros: Beyond Death è un’espansione che, nei formati Limited, pone molta enfasi sugli incantesimi. Sebbene non tutti gli archetipi siano incentivati a giocarli, difficilmente troverete un mazzo Limited che non include, nelle sue 40, almeno 4-5 incantesimi, visto che molti di questi sono delle creature. Perciò, le removal per gli incantesimi sono tutte molto forti, ed è veramente impensabile non giocarle maindeck.

Per quanto riguarda le strategie, di cui abbiamo già parlato nel capitolo dedicato alle magie multicolore, va sottolineato come i colori rimangano aderenti ai loro ruoli classici. Il rosso e il verde sono i colori più aggressivi, il blu ed il nero i più difensivi, mentre il bianco può adattarsi ad entrambi i ruoli, anche se non eccelle in nessuno di questi. A prima vista il colore più forte, in termini di comuni e non comuni, sembra essere il nero. Dotato delle migliori rimozioni, di diverse modalità di mettere carte al cimitero e di tante creatue con Escape, il nero sembra essere capace di resistere agli assalti dei mazzi più aggressivi per poi chiudere la partita in late game con una o più creature che rientrano dal cimitero. Il colore più debole sembra invece essere il bianco, per le ragioni di cui ho già scritto sopra.

Soprattutto in Draft, le sinergie giocheranno un ruolo fondamentale. Ci saranno infatti magie che, se inserite nel mazzo giusto, saranno più forti di molte non comuni e rare, ma che saranno invece brutte se giocate in altri mazzi. In questo il formato sembra somigliare a Throne of Eldraine e a Dominaria, dove le sinergie erano fondamentali per poter draftare un buon mazzo.

Vedremo se le mie previsioni si riveleranno corrette nel medio termine, anche perchè il Draft potrebbe essere un formato completamente diverso da come appare ad una prima analisi che, per quanto dettagliata, viene comunque fatta con zero esperienza del formato alle spalle.

Se vi siete persi uno o più dei capitoli precedenti della nostra Limited Set Review, li trovate qui sotto:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *