Il Limited di Theros: Beyond Death - Gold

L'analisi di tutte le carte multicolore del nuovo set in ottica Limited

Con il sesto capitolo della nostra analisi delle carte di Theros: Beyond Death ci stiamo ormai avvicinando alla fine del nostro viaggio. Nell’articolo di oggi parleremo delle magie multicolore e del loro impatto nei formati Limited. Prima di cominciare, diamo ancora una volta un’occhiata ai punteggi che andrò ad utilizzare:

5.0: Il meglio in assoluto (Oko, Thief of Crowns. The Great Henge)
4.5: Carta molto forte ma non imbattibile, o che comunque richiede di costruirci un mazzo attorno (The Circle of Loyalty. Lochmere Serpent)
4.0: Una rara forte oppure una delle migliori uncommon (Gadwick, the Wizened. Slaying Fire)
3.5: Una delle migliori comuni oppure una non comune solida (Bake into a Pie. Archon of Absolution)
3.0: Una carta che gioco sempre, se sono di quei colori (Ardenvale Tactician. Rimrock Knight)
2.5: Una buona carta che difficilmente non includerò nelle mie 40 (Rosethorn Acolyte. Animating Faerie)
2.0: Un buon filler, che non sempre viene incluso nel mazzo (Garenbrig Squire. Tempting Witch)
1.5: Un filler che giocherò nel 50% dei miei mazzi (Bartered Cow. Seven Dwarves)
1.0: Un filler che non sono quasi mai contento di giocare (Beloved Princess. Roving Keep)
0.5: Una carta che non giocherò mai maindeck, ma che può avere degli utilizzi in sideboard (Return to Nature. True Love’s Kiss)
0.0: Una carta ingiocabile (Happily Ever After. Deafening Silence)

Finiti i preamboli, andiamo a vedere le carte.

Multicolore

Acolyte of Affliction – 3.0

Acolyte of Affliction

Acolyte of Affliction ci aiuta a riempire il cimitero e ci fa tornare in mano una delle nostre minacce migliori, magari morta prematuramente. Sicuramente una buona magia, ma essendo vincolato a due colori di mana rimane meno versatile di spell come Gravedigger.

Allure of the Unknown – 0.0

Allure of the Unknown

Il rischio che il nostro avversario si prenda una bomba e lasci a noi le briciole è troppo alto per spingermi a giocare questa magia in Limited.

Ashiok, Nightmare Muse – 4.5

Ashiok, Nightmare Muse

Ashiok genera board presence, agisce da pseudo removal e, se riesce ad arrivare alla ultimate, è in grado di chiudere la partita in nostro favore. Questa è una di quelle carte che splasheremo sempre in Sealed e giocheremo in Draft anche se aperta in terza busta, ammesso di giocare già almeno un colore tra il blu ed il nero nel nostro mazzo.

Atris, Oracle of Half-Truths – 3.0

Atris, Oracle of Half-Truths

Per soli 4 mana, Atris genera un moderato quantitativo di vantaggio e ci aiuta anche a riempire il cimitero. In più, grazie a menace, potrà strappare qualche danno all’avversario prima di morire. Se sto già giocando U/B lo inserisco nel mazzo ad occhi chiusi, negli altri casi difficilmente splasherò un terzo colore per giocare Atris.

Bronzehide Lion – 3.5

Bronzehide Lion

Questo gatto all’apparenza innocuo rischia di diventare un bel grattacapo per il nostro avversario che, dopo averlo ucciso, dovrà trovare risposta anche alla relativa Aura. Peccato che l’abilità attivata abbia un costo di mana che, anche se basso, ci rallenta nello sviluppo della board, ma spesso saremo contenti di “perdere” qualche turno per poter avere delle ottime creature indistruttibili.

Calix, Destiny’s Hand – 3.5

Calix, Destiny's Hand

In un set pieno di incantesimi Calix è un buon planeswalker, che genera costante vantaggio carte e, all’occorrenza, funziona anche da ottima removal. Attenzione però a questo secondo aspetto: se l’avversario trova la risposta all’incantesimo che avete scelto come “assicurazione” sulla removal, allora il 2×1 per l’avversario è assicurato, e le cose potrebbero andare a finire anche peggio, per noi.

Dalakos, Crafter of Wonders – 1.5

Dalakos, Crafter of Wonders

In un set pieno di incantesimi, serviva proprio un bell’acceleratore di mana per gli artefatti (che sono praticamente assenti) e che ha un’abilità statica che sinergizza con gli equipaggiamenti. In Kaladesh magari sarebbe stato più forte.

Devourer of Memory – 3.0

Devourer of Memory

Quest’incubo è piuttosto fragile ma, se lasciato libero di agire, potrà facilmente portare a 0 i punti vita dell’avversario in breve tempo. Il blu ed il nero sono infatti i colori migliori per riempire il nostro cimitero e Devourer of Memory è uno dei migliori payoff in questa accoppiata di colori.

Dream Trawler – 4.5

Dream Trawler

L’unica debolezza di questa sfinge è il costo di lancio quadruplo vincolato. Perchè per il resto, non avremo difficoltà a vincere la partita una volta che l’avremo risolta, visto che genera vantaggio carte, attacca come 5/5 volare + lifelink e, all’occorrenza, guadagna hexproof.

Enigmatic Incarnation – 1.5

Enigmatic Incarnation

Proverei più volentieri a giocarla in costruito piuttosto che in Limited.

Eutropia the Twice-Favored – 3.5

Eutropia the Twice-Favored

Eutropia è una creatura game breaker, se le viene lasciato il tempo necessario per agire. Grazie alla sua abilità innescata ci aiuterà ad infliggere un quantitativo significativo di danni all’avversario, rendendo nel contempo le nostre creature più grosse.

Gallia of the Endless Dance – 3.5

Gallia of the Endless Dance

Nel mazzo giusto, Gallia è estremamente forte, sia perchè ci permette di ingrandire degli eventuali token satiro che abbiamo in gioco, sia perchè genera value semplicemente attaccando con le altre creature che controlliamo. E’ vero che non potremo sempre permetterci di attaccare dentro i bloccanti dell’avversario, ma l’incentivo di pescare due carte ci spingerà a farlo con più leggerezza.

Haktos the Unscarred – 4.0

Haktos the Unscarred

A parte il costo quadruplo vincolato, Haktos rischia di diventare il peggior incubo del nostro avversario. Avendo protezione da quasi tutte le magie/creature può attacare liberamente, senza preoccuparsi di eventuali bloccanti e removal. Inoltre, potendo essere fermato dalle magie di un solo CMC, sarà facile riuscire ad uccidere l’unico bloccante che il nostro avversario gli metterà davanti. Insomma, se lo risolviamo, per il nostro avversario sarà una bella gatta da pelare.

Hero of the Nyxborn – 3.0

Hero of the Nyxborn

Hero of the Nyxborn è un buon modo per generare immediato vantaggio sulla board e, successivamente, poter attaccare l’avversario con maggior power sulla board. Non è la migliore delle uncommon gold, ma in R/W fa bene il suo mestiere.

Klothys, God of Destiny – 3.0

Klothys, God of Destiny

Klothys non è eccezionale in Limited. Nonostante la sua abilità innescata sia piuttosto forte, visto che ci garantisce extra mana in early e danni aggiuntivi in late game, in Limited non ci sarà sempre la carta giusta da esiliare nel cimitero. E’ molto forte contro archetipi U/B che sono veloci a riempirsi il cimitero da soli, ma è più scarsa, ad esempio, contro R/W e contro altri mazzi aggressivi. Non mi entusiasma.

Kroxa, Titan of Death’s Hunger – 3.5

Kroxa, Titan of Death's Hunger

Kroxa è una bella bestia, in termini di rapporto body/CMC (considerando che il suo costo di mana convertito sia 4). Tuttavia, la sua abilità innescata non è invincibile, nonostante ci permetta di chiudere il game molto velocemente se l’avversario non ha carte in mano. Insomma, è sicuramente una creatura che giocherò tutte le volte che posso ma, a prima vista, non mi fa impazzire.

Kunoros, Hound of Athreos – 3.0

Kunoros, Hound of Athreos

Kunoros è un’ottimo attaccante, grazie a menace e vigilance, e le sue altre due abilità statiche sono buone anche in Limited, visto che fermano il cast di magie con Escape. In generale è un buon drop a 3, ma non è una delle migliori rare del set.

Mischievous Chimera – 3.0

Mischievous Chimera

Questo volante è buono perchè ci fa generare vantaggio/value semplicemente lanciando magie instant nel turno dell’avversario. Come 2/2 volare per 2 mana è anche un discreto attaccante, ma non è questo il suo punto di forza principale.

Polukranos, Unchained – 4.5

Polukranos, Unchained

Polukranos rappresenta contemporaneamente un attaccante di tutto rispetto e una removal ripetibile sulle creature avversarie. Anche se la versione ottenibile per 6 mana non rimarrà in vita troppo a lungo, la versione con Escape è invece sia un ottimo attaccante che un buon killer di pezzi avversari.

Rise to Glory – 4.0

Rise to Glory

Nonostante non sia velocissima, Rise to Glory è una di quelle carte che può ribaltare la board. Rianimando una creatura come Blight-Breath Catoblepas e un’Aura come Inevitable End, avremo la certezza di poter uccidere due pezzi dell’avversario, generando anche board presence. E’ un po’ lenta, ma con i target giusti al cimitero il vantaggio è assicurato.

Siona, Captain of the Pyleas – 3.0

Siona, Captain of the Pyleas

Syona garantisce immediato vantaggio carte appena entra in gioco, e ci permette anche di scegliere la migliore Aura tra le prime 7 carte del mazzo, che non è male. Ha chiaramente bisogno del giusto supporto per far sì che trovi un target, ma in G/W non dovrebbe essere un problema. La seconda abilità attivata va a braccetto con la prima e ci permette di generare token quando incantiamo le nostre creature con delle Aure. E’ un po’ fragile, ma se sopravvive abbastanza può ipotecare le sorti della partita.

Slaughter-Priest of Mogis – 2.5

Slaughter-Priest of Mogis

Slaughter-Priest of Mogis somiglia molto ad Ahn-Crop Invader. Paghi un costo, sacrifichi un target e questo minotauro guadagna first strike e, di conseguenza, anche +2/+0. Al contrario di Invader è ottimo sia in attacco che in difesa e ha la possibilità di sacrificare anche un incantesimo per poter attivare la sua abilità. Peccato che, rispetto alle altre uncommon multicolore, non genera vantaggio carte e non riesce quindi ad arrivare ai 3 punti.

Staggering Insight – 3.5

Staggering Insight

Una delle migliori Aure del set: ha un CMC basso, soprattutto se confrontato con il vantaggio che genera, sia in termini di carte che di punti vita. Ottima se lanciata su un volante, ma va bene una qualsiasi creatura semi-evasiva o molto grossa. E’ una delle ragioni principali che mi spingono a pensare di giocare U/W in questo Limited (assieme a Dream Trawler).

Uro, Titan of Nature’s Wrath – 4.5

Uro, Titan of Nature's Wrath

Nonostante la sua abilità attivata non sia gamebreaker, pagare 4 mana per un 6/6, una carta e 3 punti vita non è male. Se poi ci aggiungiamo la possibilità di poter innescare di nuovo l’abilità se riusciamo ad attaccare, otteniamo una minaccia solida in Limited, che richiede risposte veloci dal lato dell’avversario, se non vuole morire sommerso dal value che questa creatura è in grado di generare. Anche l’effetto di poter giocare una terra in più non è male, soprattutto se iniziamo a pescare stabilmente due carte a turno.

Warden of the Chained – 2.5

Warden of the Chained

Questo minotauro è un ottimo attaccante, se e quando potrà farlo. R/G è infatti un archetipo piuttosto aggressivo e non poter attaccare con un drop a 3 del genere è un malus non trascurabile. E’ per questo motivo che faccio fatica a dare di più a questa creatura: rischia di non riuscire a fare quello che dovrebbe essere il suo lavoro principale.

In sintesi

Come da un po’ di tempo a questa parte, le non comuni multicolore ci danno un’idea delle sinergie tra i diversi colori e ci indica su quali strategie puntare quando draftiamo una determinata coppia di colori. Nel dettaglio:

  • G/W Aura: archetipo midrange che si basa sulle Aure e sulla capacità di incantare le nostre creature. Anche Constellation e gli “Hero” bianchi giocano un ruolo chiave in questo archetipo;
  • R/W Hero: archetipo aggressivo che punta a chiudere velocemente le partite con molte creature sulla board, pompate più di una volta dalle abilità innescate dei diversi “Hero” del set. Per innescare le loro abilità potete puntare sulle Aure, ma anche su diversi combat trick;
  • U/W value: il piano di U/W non è chiarissimo anche se ci sono alcune tematiche ricorrenti nelle magie dei due colori. Vantaggio carte, creature con lifelink e volanti sembrano essere alla base del piano che dovrebbe avere un buon mazzo Azorius;
  • W/B value + graveyard: anche qui il piano non è chiarissimo. L’idea è quella di usare il nero per riempire il cimitero e poi rianimare varie creature/incantesimi e sfruttare le magie con Escape;
  • U/B self mill: la combinazione di colori più adatta per riempire velocemente il nostro cimitero e sfruttare al meglio le magie con Escape, ma non solo. Infatti, in questa combinazione di colori ci sono anche un buon numero di payoff di tipo diverso, che benificiano delle carte presenti nel nostro cimitero;
  • U/R “gioca magie nel turno dell’avversario”: numerose magie con flash ci garantiscono di riuscire ad innescare le abilità dei diversi payoff presenti in questa combinazione di colori. Dare priorità agli istantanei ed ai combat trick, piuttosto che agli incantesimi;
  • U/G grandi volanti: il piano del mazzo, stando all’abilità di Eutropia, è quello di riuscire a far volare le nostre creature più grosse, per chiudere la partita con un paio di attacchi. Le Aure in questo archetipo sono importanti, soprattutto in un colore come il verde che ha molte magie con Constellation. Da non sottovalutare anche le magie che danno trample alle nostre creature, svincolandoci dalla necessità di farle volare;
  • B/R sacrificio: questa combinazione di colori è specializzata nel sacrificare creature o incantesimi ormai inutili sulla board per innescare diverse abilità dei nostri payoff. Simile all’archetipo B/R presente in War of the Spark;
  • B/G value + graveyard: sfruttando le magie nere per riempire il cimitero e il verde per riprendere in mano le carte migliori che ci siamo macinati, questo archetipo punta a generare vantaggio in mid-late game e ad abusare delle creature con Escape;
  • R/G “creature con forza 4+”: questa combinazione di colori ha diverse abilità che funzionano se controlliamo una cretura con forza 4+. Ed in effetti ci sono tante creature che, per un costo di mana anche basso, hanno almeno 4 punti di forza.

Come sempre, ci sono alcune combinazioni di colori il cui piano è chiaro (U/R, W/R, R/G) mentre altre che rimangono un po’ nel limbo e non hanno bisogno di magie sinergiche tra di loro per funzionare. In linea di massima, avere archetipi sinergici è particolarmente interessante in Draft, dove la scelta delle carte migliori è molto influenzata dal piano del nostro mazzo e non dal mero power level delle singole carte.

Per proseguire nella lettura, vi invito a consultare gli altri capitoli della nostra Limited Set Review, che trovate qui sotto:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *