Il Modern post Hogaak

Il ritorno al formato che tutti conoscevamo?

La presenza di Hogaak, Arisen Necropolis era diventata sempre più opprimente per il Modern, e la Wizards ha deciso di mettere fine al suo dominio con la banlist di lunedì 26/08. Tuttavia, la casa madre si è spinta oltre, andando a bandire anche Faithless Looting, e rendendo contemporaneamente legale Stoneforge Mystic. Queste azioni saranno sufficienti per riportare il Modern ai suoi antichi splendori, o ci ritroveremo presto con un nuovo Tier 0? Cerchiamo di scoprirlo insieme.

Chi ci lascia e perchè

Hogaak, Arisen Necropolis - Magic: the Gathering

Sul ban di Hogaak, Arisen Necropolis il consenso era unilaterale. La carta è troppo broken per il formato, ed è l’ennesima conferma che la Wizards, ogni tanto, si concede delle licenze che non dovrebbe prendersi. Tra l’altro, dopo oltre 25 anni di Magic, sembra che fatichino ancora a capire il power level delle strategie basate sul cimitero. Ciò nonostante, sono contento che si siano mossi in maniera piuttosto veloce, andando a risolvere il problema nel giro di un paio di mesi.

Faithless Looting - Magic: the Gathering

La seconda carta che ci lascia è Faithless Lotting, una magia di cui avevo parlato in passato e che ritengo dovesse essere sulla banlist già da alcuni mesi. Anche qui, il timing della Wizards non è stato dei migliori, ma alla fine il ban è arrivato.

Le motivazioni per cui Looting se ne dovesse andare sono molteplici, ma questa riga presa direttamente dall’articolo Wizards è secondo me molto esplicativa:

The key card enabling the majority of these graveyard-focused decks is Faithless Looting. By our data gathered from Magic Online and tabletop tournament results, over the past year the winningest Modern deck at any given point in time has usually been a Faithless Looting deck.

In sostanza, non solo Faithless Looting è l’enabler principale di tutti gli archetipi basati sul cimitero, ma è anche la carta che ha portato al successo tutti gli archetipi più vincenti dell’ultimo anno (tra cui Hogaak, U/R Fenici e Hollow One). E’ per questo che ritengo il ban una scelta assolutamente corretta, che metterà un freno agli archetipi un po’ più unfair del formato, lasciando magari spazio ad altre strategie di emergere. Mi dispiace per Arclight Phoenix, che difficilmente potrà essere giocata nell’immediato futuro con la stessa efficacia di prima. Rimane comunque una carta fortissima, che potrebbe tornare a trovare spazio con la stampa di un paio di carte mirate.

Da ultimo vorrei sottolineare cosa non è stato bannato: Mox Opal e Ancient Stirrings.

Mox Opal - Magic: the Gathering

Ancient Stirrings - Magic: the Gathering

Queste sono le due carte “più papabili” di ban secondo i detrattori degli archetipi “artifact based” (principalmente Tron, Affinity e Hardened Scales).

Personalmente, non credo che Mox Opal sia una carta che meriti il ban in Modern, perchè per funzionare ha tante limitazioni e in multiple copie non fa quasi nulla. Storia diversa riguarda invece Ancient Stirrings, che è il motore principale di Tron, gli permette di giocare poche terre e contemporaneamente lo aiuta a trovare le minacce in late game. Nonostante sia un tool giocato praticamente in un solo archetipo, è una carta che dà ulteriore solidità ad un mazzo che probabilmente non ne avrebbe bisogno. Perciò, visto che le altre strategie unfair hanno subito un duro colpo, avrei preferito prendere provvedimenti anche contro Trono. Ma dovremo accontentarci, almeno per ora.

Chi si aggiunge alla festa

Stoneforge Mystic - Magic: the Gathering

Mistica Forgiapietra è una carta che si trova sulla banlist Modern dalla nascita del formato, e le motivazioni di questo “ban preventivo” dovrebbero essere chiare a tutti. Mistica rappresenta infatti vantaggio carte incondizionato per soli due mana, e può tutorare uno dei migliori equipaggiamenti della storia di Magic: Batterskull. Non a caso Mistica è la carta chiave di molti archetipi Legacy a base bianca (Death & Taxes, U/W Stoneblade), ed ha anche dominato alcuni mesi di Standard, prima di essere bandita anche da quel formato.

Batterskull - Magic: the Gathering

Tuttavia, ritengo che i tempi siano molto cambiati dalla nascita del Modern ad oggi. Ai primordi del formato, le risposte ad un Batterskull di terzo erano scarse, così come le magie in grado di generare vantaggio carte per soli due mana. Adesso possiamo invece contare su tante magie dal ridotto CMC che garantiscono un immediato 2×1 in nostro favore, come Ice-Fang Coatl, Wrenn + Six, Kolaghan’s Command ecc. E possiamo anche contare su un maggior numero di risposte sia a Mistica che allo stesso Batterskull (Fatal Push, Assassin’s Trophy). E’ per questo che ritengo il formato in grado di “assorbire” facilmente la presenza di Mistica, anche se rimane una carta da tenere sotto stretta osservazione.

Cosa succederà adesso

L’effetto immediato di questa nuova banlist (oltre ad una impennata dei prezzi di Mistica, Batterskull e tutti gli equipaggiamenti giocabili) è quello di un rallentamento del formato. Molti giocatori inizieranno a sperimentare archetipi più o meno variegati a base bianca, che saranno inizialmente lenti e macchinosi perchè non correttamente ottimizzati.

In questo metagame, in cui sarà dominante una buona porzione di archetipi midrange/control, due saranno le strategie ad avvantaggiarsi: Tron e gli archetipi aggro. In effetti, Tron è da sempre un distruttore di midrange, mentre gli archetipi più aggressivi si predano dei mazzi macchinosi, uccidendone i piloti prima che questi possano attuare la loro strategia.

Questo metagame “primordiale” servirà da base per tracciare la rotta del formato. Innazitutto svolgerà un ruolo di filtro, andando ad “eliminare” gli archetipi poco efficaci o malamente tunati. In secondo luogo, determinerà un trend generale che sarà la base di un metagame più stabile, che potremo vedere già tra un mesetto (circa).

Le fasi che mi aspetto di vedere saranno queste:

  1. Grande popolarità di archetipi midrange/control;
  2. Ascesa di MonoG Tron per contrastare gli archetipi del punto 1, e suo posizionamento come Tier 1 del meta;
  3. Dominio di archetipi aggro (Infect, Burn) oppure fast combo (Twiddle Storm, Amulet Combo) che hanno vita facile contro il nuovo Tier 1;
  4. Ritorno ai vertici di archetipi midrange/control;
  5. Eventuale stabilizzazione o ripetizione del ciclo ripartendo dal punto 1.

Ad oggi però, non posso escludere che, in mezzo ad uno qualsiasi dei 5 step qui sopra, si possa inserire un elemento di disturbo. Ad esempio:

  • Nascita/ascesa di un archetipo nuovo o comunque poco giocato, che ben si inserisce nel metagame di quel momento (Devoted Vizier, archetipi basati su permanenti neve, TitanShift ecc.);
  • Metagame favorevole al successo di Eldrazi Tron che, rispetto al cugino verde, se la gioca meglio contro mazzi veloci grazie a Calice del Nulla.

Deve quindi esservi chiaro che, nonostante la normale ciclicità che contraddistingue un formato sano si possa provare ad applicare anche al Modern, non è detto che le cose vadano esattamente in questo modo. In Modern infatti ci sono molte strade percorribili e tante strategie diverse, tutte ugualmente efficaci. Con l’assenza di un vero Tier 1 (come Hogaak o U/R Fenici) in grado di spingere il formato in una direzione precisa, tutti gli archetipi possono più o meno avere successo. Perciò sarà molto interessante vedere se questa banlist favorirà la nascita di un nuovo Tier 1, oppure se lascerà spazio di manovra ad un alto numero di strategie diverse.

Da ultimo vorrei spendere due parole su un archetipo che è già stato ribattezzato da molti come il nuovo Tier 1 e con cui ho avuto una discreta esperienza nelle ultime settimane: Thopter Sword. In effetti, il mazzo è sicuramente uno di quelli che beneficia di più dell’unban di Stoneforge Mystic, perchè ora può permettersi di giocare soltanto due colori, sostituendo Goblin Engineer con una carta molto più efficace, che permette anche di applicare una discreta pressione sull’avversario quando richiesto.

Tuttavia, chi non ha mai avuto modo di prendere il mazzo in mano non si rende conto di quanto sia problematico da gestire Karn, the Great Creator.

Karn, the Great Creator - Magic: the Gathering

Questo planeswalker è infatti un incubo sia per il piano combo che, in parte, anche per il nuovo piano basato sugli equipaggiamenti. Inoltre, se Thopter Sword non ha in gioco almeno un paio di creature prima che l’avversario risolva Karn, generalmente al turno dopo la partita sarà finita. Questo perchè Karn è giocato soprattutto in archetipi Tron, che non dovrebbero faticare ad avere 6 mana al quinto turno per poter risolvere Mycosynth Lattice prelevato dalla side.

Mycosynth Lattice - Magic: the Gathering

La situazione è ulteriormente aggravata dalla carenza di risposte che una lista U/W di Thopter Sword può giocare nei confronti dello stesso Karn. Preside, Detention Sphere può dare una mano, ma post-side le cose non migliorano, visto che il bianco non ha delle removal permanenti per i planeswalker. Al momento, la soluzione che ho trovato più efficace è nominare Karn con Pithing Needle e aspettare poi di riuscire a risolvere Urza oppure Stoneforge Mystic per provare ad ucciderlo.

Questa grande popolarità di archetipi Tron non fa ovviamente bene anche agli altri mazzi che abusano degli artefatti: Affinity e suo cugino Hardened Scales.

Inoltre, se davvero Tron si imporrà come nuovo Tier 1, aspettatevi anche un massiccio ritorno di carte come Stony Silence e Collector Ouphe, che complicano ulteriormente la vita sia ai Robots che ai Totteri di Urza. Perciò, nei 5 step di cui sopra non ho volutamente inserito archetipi artifact based: in questo momento il loro futuro è incerto e dipende, in larga parte, dalla popolarità del planeswalker colorless di War of the Spark.

In sintesi

Il Modern sta attraversando un importante cambiamento, paragonabile a quello avvenuto con il ritorno di Jace TMS e Bloodbraid Elf. Ed in maniera simile ad un anno e mezzo fa, non dobbiamo pensare che le nuove carte siano assolutamente broken e che comportino una deformazione del formato, come avvenuto con la stampa di Hogaak. L’aggiunta di Mistica deve essere vista come una possibilità di sviluppo di nuovi archetipi, che non necessariamente saranno oppressivi per il formato. Inoltre, in questo turbinio di nuove strategie, gli archetipi esistenti rimangono delle scelte molto valide, capaci di punire chi cerca di spingersi troppo oltre. Dovete infatti immaginare Tron e gli archetipi aggro più veloci come la “polizia” del formato: se la tua strategia non è in grado di contrastarli, allora la tua strategia non è percorribile in Modern.

Aspettiamo quindi con ansia i risultati dei primi eventi, già a partire da questo fine settimana con lo SCG Open Dallas. E voi, dove pensate si orienterà il formato nelle prossime settimane? Ritenete che Tron tornerà ad essere il mazzo più forte del formato, oppure pensate che le risposte esistenti siano sufficienti? Fatecelo sapere, come sempre nel box dei commenti!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *