Guilds of Ravnica e il Costruito pt.3

Le migliori carte Multicolore, gli Artefatti e le Terre

Terza e ultima puntata delle migliori carte di Guilds of Ravnica nei fomati constructed. Se vi siete persi le altre due parti, le potete trovare qui: bianco, blu e nero –  rosso e verde.

Prima di partire, vi lascio i punteggi di riferimento che verranno assegnati alle singole carte:

5.0: Bomba multiformato. (Jace, the Mind Sculptor. Tarmogoyf. Snapcaster Mage.)
4.0: Staple di almeno un formato. (The Scarab God. Collected Company. Remand.)
3.5: Forte in diversi formati ed in diversi archetipi, ma non una carta che definisce il formato. (Jace Beleren. Radiant Flames. Shambling Vent.)
3.0: Staple di un determinato archetipo. (Viscera Seer. Zulaport Cutthroat. Heart of Kiran.)
2.5: Carta chiave di alcuni mazzi, ma rimpiazzabile. (Veteran Motorist. Anticipate. Transgress the Mind.)
2.0: Carta prettamente da sideboard o che potrà essere giocata in mazzi che al momento non esistono. (Huatli, Warrior Poet. Naturalize. Duress.)
1.0: Si è giocata una volta, in un mazzo, in side.

Come sempre, il formato di riferimento è lo Standard per tutte le carte, salvo dove diversamente specificato.

Multicolore

Assassin’s Trophy – 5.0

Assassin's Trophy - Magic: the Gathering

Per questo terzo capitolo della nostra analisi partiamo subito col botto, con quella che è la carta più chiaccherata dell’intera espansione. E non senza motivo: questa removal è di fatto una delle migliori mai stampate nella storia di Magic,  e se la gioca alla pari solo con Vindicate, rispetto al quale ha punti di forza e debolezze. In Standard, sarà difficile non giocare almeno due copie di questa magia nei mazzi B/G e, vista la manabase dello Standard attuale, potremo anche permetterci di splasharla in altri archetipi. In Modern possiamo fare un discorso analogo, ricordando però che, in questo formato, le terre base scarseggiano, e il power level di questa carta sale notevolmente. In Legacy, molti mazzi a base B/G giocano almeno una copia di Maelstrom Pulse per distruggere Jace, TMS. Assassin’s Trophy svolge lo stesso ruolo ma costa un mana in meno, è un istantaneo e può risolvere anche alcune minacce che Pulse non poteva gestire. Non credo ci sia molto da aggiungere: se non ne avete ancora 4 copie, procuratevele.

Aurelia, Exemplar of Justice – 3.0

Aurelia, Exemplar of Justice - Magic: the Gathering

Se ci dovesse servire una wincon al top della curva in Boros, Aurelia fa al caso nostro. Non ha haste, ma se abbiamo un’altra creatura in gioco infliggerà comunque due danni all’avversario lo stesso turno in cui la giochiamo. Inoltre, grazie a Mentor, pompa le altre creature che controlliamo, rendendola più forte man mano che la partita si prolunga. Da ultimo, con 5 punti di costituzione, schiva parecchie rimozioni rosse e non viene uccisa da Rekindling Phoenix. Il suo nemico principale è Lyra Dawnbringer.

Boros Challenger – 2.5

Boros Challenger - Magic: the Gathering

Boros sembra avere tutte le carte in regola per diventare un buon mazzo nello Standard con Guilds of Ravnica. Questo Challenger è un’altro pezzo chiave dell’archetipo, visto che il rapporto tra body e CMC è ottimo e, grazie a Mentor, può ingrossare i nostri drop a 1. Infine, è una buona minaccia anche se pescata in late game, in quanto ci permette di usare egregiamente tutto il mana a disposizione.

Conclave Cavalier – 2.5

Conclave Cavalier - Magic: the Gathering

Grazie a carte come History of Benalia, Knight of Grace e Knight of Malice, un mazzo cavalieri sembra avere potenzialità in Standard. Questo Conclave Cavalier potrebbe non entrare nell’archetipo a causa del doppio specifico verde, ma grazie all’ottima manabase del nuovo Standard lo vedo facilmente inseribile. E’ un’ottima carta anche in Selesnya Tokens, dove svolge il doppio ruolo di attaccante e “convocatore” di altre creature.

Crackling Drake – 2.5

Crackling Drake - Magic: the Gathering

In Standard ci sono parecchi istantanei forti da poter inserire in un mazzo U/R, dove Crackling Drake e Archlight Phoenix si posizionano come ottime chiusure. Vedremo se l’archetipo ce la farà a sfondare.

Deafening Clarion – 2.5

Deafening Clarion - Magic: the Gathering

I mazzi controllo a base blu si stanno orientando verso delle versioni Jeskai, a discapito del classico U/W, grazie all’ottima manabase offerta da Guilds of Ravnica. In questo shell, Deafening Clarion è l’ennesimo effetto tipo “Ira di Dio” che non ha drawback e costa poco mana, ed è quindi ottimo per fermare partenze particolarmente aggressive. Probabilmente non ne vorremo più di un paio di copie maindeck, ma qualcuna in più di side non guasta.

Emmara, Soul of the Accord – 3.0

Emmara, Soul of the Accord - Magic: the Gathering

Selesnya Tokens è già una realtà dopo neanche una settimana di Standard, ed Emmara è sicuramente una delle sue carte fondamentali, visto che aiuta a lanciare le magie con Convoke riempiendo contemporaneamente la board con nuove token. Difficilmente troverà applicazioni in altri formati.

Firemind’s Research – 3.0

Firemind's Research - Magic: the Gathering

Mi piace l’idea di poter giocare questo incantesimo in un mazzo come U/R Gifts Storm in Modern, dove può funzionare da win condition alternativa rispetto alla combo Gifts + Past in Flames. Da questo punto di vista si contende il ruolo con Pyromancer Ascension, che è sicuramente più efficace ma richiede di passare dal cimitero. Al contrario, Firemind’s Research è una wincon indipendente dal cimitero, e per questo unica nel suo genere in questo archetipo. E’ verò che ci servirà del tempo e un po’ di setup per riuscire a farla funzionare, ma se ce l’abbiamo in gioco già dal turno 2 potremo accumulare abbastanza segnalini per infliggere almeno 10 danni all’avversario. Al resto ci pensa Grapeshot.

Glowspore Shaman – 2.5

Glowspore Shaman - Magic: the Gathering

Ottimo enabler per archetipi basati sul cimitero come il nuovo mazzo Golgari che sta prendendo forma in Standard. Il discreto rapporto tra body e CMC lo rendono un buon bloccante che aiuta anche ad accumulare risorse per sfruttare al meglio le magie con Undergrowth.

Goblin Electromancer – 3.5

Goblin Electromancer - Magic: the Gathering

Carta chiave di U/R Gifts Storm in Modern, non escludo possa venire giocata anche in Standard, sempre in archetipi che puntano a vincere il game con molte magie non creature a basso costo di mana.

Golgari Findbroker – 3.0

Golgari Findbroker - Magic: the Gathering

Va a braccetto con Glowspore Shaman, visto che è il modo migliore per sfruttare il vantaggio generato dal 3/1. Questa creatura ci consente infatti di riprendere dal cimitero la nostra minaccia migliore, ed è anche un discreto bloccante se il nostro avversario scarseggia di volanti.

Ionize – 2.5

Ionize - Magic: the Gathering

L’effetto è migliore in mazzi tempo tipo U/R, che puntano a portare velocemente a zero i punti vita dell’avversario, piuttosto che in un classico shell control (tipo U/W) che vuole arrivare in late game. Se U/R sarà una realtà in Standard, anche Ionize lo sarà.

Izoni, Thousand-Eyed – 2.5

Izoni, Thousand-Eyed - Magic: the Gathering

Golgari esiste e sembra essere un mazzo competitivo, perciò giocare mono Izoni di main non è assolutamente un’eresia, soprattutto se siamo veloci a riempire il cimitero. Alla peggio, potrebbe comunque trovare un posto in side.

Knight of Autumn – 3.5

Knight of Autumn - Magic: the Gathering

Questa creatura fa della versatilità il suo punto di forza, una cosa piuttosto rara in carte di questi colori. In Standard, ha già trovato spazio nelle side di Selesnya e non escludo possa essere giocata anche maindeck nello stesso archetipo oppure in un mazzo cavalieri assime a History of Benalia. In Modern prende il posto di Reclamation Sage in molti mazzi che giocano il bianco assieme al verde. Peccato che Birthing Pod non sia  più legale nel formato, altrimenti avrebbe sicuramente trovato posto in maindeck.

March of the Multitudes – 3.0

March of the Multitudes - Magic: the Gathering

Selesnya Tokens può lanciare questa magia con dei valori di X pari a 4 già dal quarto turno, trasformandola nella chiusura perfetta per questo archetipo.

Ral, Izzet Viceroy – 2.0

Ral, Izzet Viceroy - Magic: the Gathering

Finchè ci sarà Teferi nel formato sarà difficile giocare più di una copia di questa nuova versione di Ral Zarek in un mazzo di controllo. Anche nel famoso mazzo U/R di cui ho parlato sopra, sarà difficile volerne giocare più di una copia, visto che non è molto in linea con il piano dell’archetipo.

Skyknight Legionnaire – 2.5

Skyknight Legionnaire - Magic: the Gathering

Se vogliamo giocare aggro in Standard, Boros sembra un buon punto di partenza e questa creatura rimane sempre molto solida. Peccato che, al momento, Skyknight Legionnaire si contende lo slot con carte del calibro di Tajic, Legion’s Edge e Legion Warbooss, perciò non è detto che venga giocato come meriterebbe.

Tajic, Legion’s Edge – 3.5

Tajic, Legion's Edge - Magic: the Gathering

Mantis Rider è una delle migliori creature di Umani in Modern, e Tajic gli si avvicina molto come power level. Di per sè, un 3/2 haste per 3 mana sarebbe già ottimo. Se poi gli aggiungiamo l’abilità di pompare qualsiasi altro umano in gioco e quella di proteggere la nostra board da effetti tipo Anger of the Gods, otteniamo uno dei migliori drop a 3 che Umani possa desiderare. L’unica pecca è che non vola, ma non saranno troppi i matchup in cui questa mancanza si farà sentire. In Boros Standard va a braccetto con Legion Warboss ed è un ottimo drop a 3 in un bel mazzo aggressivo.

Thief of Sanity – 2.5

Thief of Sanity - Magic: the Gathering

Versione potenziata di Nightveil Specter, visto che ci fa scegliere la carta migliore tra le prime tre del mazzo dell’avversario. Rispetto allo spettro di Gatecrash, dovremo per forza giocare sia il blu che il nero per poterlo includere nel nostro mazzo, ma sarà più semplice lanciarlo anche in un mazzo tricolor. Al momento non ci sono archetipi, in Standard, che supportano bene una creatura del genere, ma le cose potrebbero cambiare nelle prossime settimane.

Unmoored Ego – 2.0

Unmoored Ego - Magic: the Gathering

Questa carta è ottima per fermare un mazzo combo il cui piano ruota attorno ad un singola carta, indipendentemente dalla tipologia della carta (istantaneo, creatura ecc.). Effetti di questo tipo esistono ormai da parecchi anni ma non potevano mai bersagliare le terre. Questa peculiarità rende Unmoored Ego giocabile in Modern come risposta definitiva ad Urza Tron e a Scapeshift, visto che ci fa esiliare in maniera definitiva una terra del Trono oppure Valakut, the Molten Pinnacle. In Standard non ci vedo grandi applicazioni per ora, ma sarà sicuramente una carta da tenere in considerazione qualora i mazzi combo dovessero diventare dominanti.

Vraska, Golgari Queen – 2.5

Vraska, Golgari Queen - Magic: the Gathering

Nel mazzo giusto, questa versione di Vraska permette di generare un discreto vantaggio carte aumentando contemporaneamente la sua loyalty. Peccato che la ultimate non sia formidabile, perchè richiede di avere delle creature in gioco per vincere, e la seconda abilità distrugga solo permanenti a costo 3 o meno. Rimane ugualmente un planeswalker solido per lo Standard e potrebbe trovare spazio, in una o più copie, nelle 75 carte di Golgari.

Split Card

Prima di entrare nel dettaglio delle singole split card, è rigoroso fare una premessa generale. Le split card di questa espansione sono tutte mediamente giocabili perchè hanno due effetti molto diversi tra loro in termini di power level e di CMC. L’effetto meno costoso è solitamente utile in early game, quando siamo indietro di risorse o sulla board, e in questi casi la split card ci aiuta a recuperare. L’effetto più costoso è invece un game breaker che, se topdecckato in mid-late game, può spostare le sorti della partita in nostro favore. E’ per questo che tutte le carte di questa tiologia sono facilmente giocabili nei mazzi dei colori giusti. L’unica eccezione a questa regola è la split Golgari Find//Finality, ma per i dettagli vi rimando al paragrafo dedicato.

Expansion//Explosion – 2.5

Expansion // Explosion - Magic: the Gathering

Sphinx’s Revelation è stata una delle carte più iconiche dello Standard con Return to Ravnica. Explosion non è esattamente uguale, dato che costa 1 mana in più ma può anche essere usata per infliggere danni letali all’avversario. La maggiore lentezza rispetto a Sphinx’s Revelation viene colmata con Expansion, che possiamo lanciare in early game per copiare una rimozione a basso costo (tipo Lightning Strike), permettendo di stabilizzare la board contro i mazzi più aggressivi.

Find//Finality – 2.5

Find // Finality - Magic: the Gathering

Find//Finality è probabilmente l’unica split card che vorremmo sempre pescare dal turno 4 in poi, dato che entrambi i suoi effetti sono praticamente inutili nei turni precedenti. Find è un’ottima wincondition, soprattutto nei matchup di attrito in cui le partite vanno per le lunghe. Finality è un buon modo per stabilizzare la board se siamo indietro, dato che spesso permette anche al nostro pezzo migliore di sopravvivere.

Flower//Flourish – 2.5

Flower // Flourish - Magic: the Gathering

In un archetipo come Selesyna, che punta ad ammassare un buon numero di creature sulla board, dare +2/+2 a tutti i nostri pezzi significa vincere la partita in un solo turno. Grazie a Flower possiamo invece permetterci di tenere tutte quelle mani che sono un po’ a corto di terre ma piene di magie.

Response//Resurgence – 2.5

Response // Resurgence - Magic: the Gathering

L’effetto di Resurgence somiglia molto a Flourish visto che entrambi permettono di chiudere la partita in un solo turno, cogliendo l’avversario di sorpresa. Response è invece una buona rimozione, che possiamo utilizzare sia per togliere di mezzo un bloccante fastidioso che per alleviare la pressione contro altri archetipi aggressivi. Non credo che un mazzo come Boros voglia giocarne più di un paio di copie, visto che Resurgence costa molto mana e Response può essere inutile in certi matchup.

Artefatti

Chromatic Lantern – 2.5

Chromatic Lantern - Magic: the Gathering

Ottimo fixer in archetipi che giocano più di 3 colori oppure che hanno bisogno di accelerarsi. Da sempre una alla-star di formati casual e di Commander, non escludo possa trovare spazio anche in Standard.

Terre

Shockland – 5.0

Steam Vents - Magic: the Gathering

Dopo il successo di U/B Shadow in Legacy, le Shockland conquistano anche il formato Eternal per eccellenza. Per quanto riguarda lo Standard, quello attuale si prospetta come il migliore, in termini di mana base, dai tempi di Return to Ravnica.

Per il costruito di Guilds of Ravnica è “quasi” tutto: manca all’appello l’analisi delle migliori comuni per il formato Pauper, che uscirà a breve. Se volete leggerla, tornate a trovarci nel fine settimana.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *