Standard: tempo di ban?

Guai in vista per il formato di punta della Wizards

Negli ultimi giorni, parlando con un po’ di giocatori sia al Regional che in negozio, la parola ban, riferita allo Standard, sembra essere tornata di moda. Che il formato abbia un problema, dovrebbe ormai essere sotto gli occhi di tutti. Il field dei tornei non a squadre è composto per quasi il 50% da archetipi aggressivi a base rossa, la cui solidità è garantita da una buona curva al cui apice troviamo minacce molto resistenti e incisive.

Il trend iniziato con il PT Dominaria viene confermato dai risultati dei recenti SCG Invitational Season One e GP Copenhagen, dove i mazzi col rosso sono i padroni assoluti del formato.

Ma un ban è davvero necessario per risolvere il problema?

Nota: d’ora in avanti farò riferimento ai mazzi col rosso dello Standard attuale assimilandoli ad un unico archetipo, meramente per semplicità di scrittura. I mazzi a cui mi riferisco sono in realtà due: Mono Red e B/R Veicoli.

L’attuale banlist Standard

Prima di entrare nei dettagli che potrebbero portare ad un altro ban, vi ricordo che lo Standard attuale è quello che ha l’elenco di carte bandite più lungo sin dai tempi di Mirrodin:

  • Aetherworks Marvel
  • Attune with Aether
  • Felidar Guardian
  • Rampaging Ferocidon
  • Ramunap Ruins
  • Rogue Refiner
  • Smuggler’s Copter

Come potete notare, a parte due piccole eccezioni (Rampaging Ferocidon e Ramunap Ruins), tutte le altre carte bandite appartengono al blocco di Kaladesh, chiaro segno che la Wizards ha sicuramente sbagliato qualcosa stampando lo stesso Kaladesh ed Aether Revolt. Tuttavia, la Wizards non sembra aver imparato la lezione, visto che il formato ha di nuovo perso i suoi equilibri con l’uscita di Dominaria.

Cosa è cambiato

La carta che ha sicuramente compromesso la stabilità del formato è Goblin Chainwhirler, e su questo punto quasi tutti i giocatori semnbrano concordare.

Goblin Chainwhirler - Magic: the Gathering

Ma cosa rende questa creatura così speciale?

  1. La sua abilità innescata distrugge le strategie basate su creature piccole, e permette di recuperare lo svantaggio iniziale contro mazzi aggressivi (ad esempio in mirror) o contro mazzi che giocano gli Elfi di Llanowar. Basti pensare a quanto risulti underpowered una carta come Siege-Gang Commander se viene seguita da un Goblin Chainwhirler da parte del nostro avversario;
  2. Avendo tre punti di forza, è ottimo per pilotare Cuore di Kiran;
  3. Si inserisce perfettamente nella curva dei mazzi rossi, che avevano subito un duro colpo dopo il ban di Rampaging Ferocidon.

Siege-Gang Commander - Magic: the Gathering

Rampaging Ferocidon - Magic: the Gathering

La combinazione di questi tre punti di forza, unita all’alto power level delle altre carte rosse dello Standard attuale, ha spinto l’archetipo nella posizione di dominio in cui si trova oggi nel formato.

Date queste considerazioni, ritengo poco probabile che altre carte dell’archetipo possano essere bannate. Hazoret, Chandra e Rekindling Phoenix sono minacce molto solide, ma hanno solitamente un basso impatto sulla board nel turno in cui entrano in gioco. Diversamente, Goblin Lanciacatene è in grado di ribaltare la partita lo stesso turno in cui viene lanciato dato il notevole impatto che ha sulla board. Questa situazione è ulteriormente peggiorata dall’impossibilità di prevenire l’abilità innescata del goblin, se non con una discard spell o con una contromagia.

Appurato quindi che Goblin Lanciacatene sia la carta con la maggior probabilità di ricevere un ban, vediamo insieme le motivazioni pro e contro questa scelta.

Il ban di Goblin Chainwhirler

Pro

  1. Bandire Goblin Chainwhirler non uccide gli archetipi che lo giocano, già presenti e molto giocati anche prima di Dominaria;
  2. La rotazione del formato, che potrebbe annullare il dominio (quasi) incontrastato di Mono Red, sarà soltanto ad inizio ottobre. Nel mezzo ci sono altri 7 GP Standard, i Nazionali e un’altra stagione di RPTQ;
  3. L’assenza di Chainwhirler può permettere ad archetipi di nicchia di diventare competitivi (sto pensando a mazzi token in grado di sfruttare le sinergie dei saprolingi oppure decklist con Benalish Marshal).

Benalish Marshal - Magic: the Gathering

Contro

  1. L’uscita di M19 potrebbe spostare gli equilibri del formato senza bisogno di aspettare la rotazione di ottobre;
  2. Goblin Chainwhirler è forte soltanto in un mazzo in grado lanciarlo facilmente al terzo turno. Perciò, se sparisce Monorosso, sarà difficile poter giocare Chainwhirler in altri archetipi;
  3. Bandire una carta uscita da appena tre mesi è una pessima mossa commerciale per la Wizards.

Il mio parere

A parte il colpo di immagine legato al ban di una carta stampata in un delle espansioni più iconiche degli ultimi anni, la Wizards non deve dimenticare il lungo elenco di ban che ha contrassegnato gli ultimi mesi di Standard, con il conseguente disappunto da parte della sua fanbase. Ovviamente, sull’altro piatto della bilancia, c’è la minaccia di 4 mesi di Standard a senso unico, che potrebbero nuocere molto di più alla Wizards al confronto del “semplice” ban di una carta. Dato che la prossima banlist è in programma per lunedì 2 luglio (due settimane prima della release di M19), ecco cosa mi aspetto:

  • Non ci saranno banlist di “emergenza” prima del 02 luglio. Questo significa che i giocatori dei GP Pittsburgh e Singapore (22-24/06) , del secondo round dei RPTQ Team Trio e del primo round dei nazionali (30/06 e 01/07) dovranno ancora convivere con la presenza scomoda di Mono Red e B/R Veicoli;
  • Unendo ai risultati degli eventi appena citati quelli dei tornei disputati ad inizio mese (PT Dominaria e GP Copenhagen), la Wizards potrebbe decidere di ritardare la decisione fino alla settimana dopo il prerelease di M19, oppure di agire subito per creare un metagame nuovo da testare con M19;
  • Infine, ritengo fortemente improbabile che la Wizards non intraprenda alcuna azione di ban, date le tempistiche così lunghe che ci separano dalla rotazione di ottobre.

Ovviamente queste sono mie considerazioni personali, che derivano comunque da un’analisi accurata degli eventi delle ultime settimane e da un sentore di malessere generale dei giocatori, che difficilmente passa inosservato agli occhi della casa madre. Rimane aperta la terza possibilità (quella del ban di una carta diversa da Goblin Chainwhirler) ma la ritengo piuttosto improbabile in virtù di quanto già detto in precedenza.

E voi cosa ne pensate? Sareste contenti di un nuovo ban o preferireste lasciare le cose come stanno oggi? Come sempre, il box dei commenti è a vostra disposizione.

Commenti

  • Omar

    CIAO MUCH

    Il mio personale parere è che qualora venisse bannato il goblin,la bilancia si sposterebbe troppo a favore di uw control,che in assenza di BR o MONOR diventerebbe veramente opprimente
    Quindi a meno di un doppio ban(penserei a settle the wreckege insieme al goblin,dato che teferi considerato il prezzo credo sia intoccabile)penso che la wizard lascerà il formato cosi fino all uscita di m19

  • Much

    Ciao Omar,
    secondo me il matchup di Mono Red o B/R contro U/W Control rimane comunque positivo anche senza Chainwhirler, visto che il Goblin non uccide creature in questo matchup. L’unico vero upside è il danno addizionale che viene fatto ai planeswalker che però è marginale in molte situazioni. Tra l’altro, se il field si orienta più verso mazzi controllo, decklist come U/B o comunque mazzi col nero diventeranno più dominanti visto il loro matchup positivo contro U/W.
    La Wizards potrebbe anche aspettare l’uscita di M19 per bannare qualcosa, anche se a livello temporale cambierebbe soltanto di una settimana (2 luglio vs. 9 luglio). L’altra alternativa è quella di una banlist eccezionale verso fine luglio, che non sarebbe neanche un’eresia considerando che la Wizards ha fatto molto peggio (ad esempio con Felidar Guardian). Vedremo 😀

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *