Settimana 25

Una pioggia di cambiamenti e i risultati del GP Las Vegas

La settimana che si è appena conclusa è stata ricca di annunci da parte della “casa madre”. Di seguito una piccola opionione su quello che è successo, e i possibili impatti sul gioco organizzato.

La metamorfosi 2.0

L’ annuncio del 12/06 è stato probabilmente quello che avrà più impatto sul gioco organizzato. Ho già scritto la mia opinione sulla nostra pagina Facebook. Ve la riporto per intero, aggiungendo un paio di considerazioni in più.
I punti salienti dell’annuncio sono 3:

  1. Verranno ridotte le stampe di nuove versioni dei planeswalker appartenenti al Gatewatch nelle nuove espansioni;
  2. Ci saranno 3 set nuovi ogni anno, e saranno tutti quanti di grandi dimensioni. In più verrà reintrodotto il set base, che sarà composto per un 50% da ristampe e per un 50% da carte nuove.
  3. Le Invocations (o Capolavori) saranno stampate con meno frequenza, non in tutti i nuovi set in uscita.

Sul punto 1 non posso che essere d’accordo: eravamo in una situazione in cui era possibile giocare in standard fino a 3 versioni diverse dello stesso planeswalker, e la cosa stava sfuggendo un po’ di mano. Credo che la Wizards debba dare enfasi anche ad altre tipologie di carte per pubblicizzare il brand, senza concentrarsi soltanto sui planeswalker.

In merito al punto 2 ho qualche perplessità in più. Avevo visto di buon occhio, ai tempi, l’eliminazione del set base in favore della stampa di un quarto set ogni anno. Il set base non poteva procurare alla Wizards gli introiti desiderati in quanto le carte ristampate erano già in possesso dei giocatori e non erano spesso ristampe di valore. In più la sua uscita durante la stagione estiva causava un ulteriore calo di interesse anche nei giocatori più competitivi che potevano tranquillamente saltare per intero la stagione di draft e concentrarsi sul nuovo set in uscita a settembre. Vedremo se la Wizards sarà in grado di produrre un set base all’altezza delle aspettative.
L’introduzione di 3 set grandi, che potranno anche riguardare 3 ambientazioni differenti e quindi essere completamente scollegati tra di loro, mi sembra una buona idea. La Wizards ha sottolineato come il problema principale fosse lo scarso interesse dei giocatori nel draftare i set piccoli, che spesso risultavano essere come una brutta copia del set grande o al contrario troppo disgiunti dal set grande. L’idea mi sembra buona, sperando che la Wizards possa mantenere il tutto sotto controllo, in particolare in merito al numero di nuove carte stampate ogni anno. Non vorrei la stampa di un maggior numero di set grandi si traducesse in una scusa per stampare più carte in un anno rispetto a quante ne vengano stampate oggi, solo per cercare di aumentare le vendite.

Va comunque contro l’idea di mero aumento delle vendite quanto detto al punto 3.  La riduzione del numero delle Invocations stampate sembra proprio andare in direzione opposta ad un mero discorso di incremento vendite. Sottolineo che io non ha ai visto di buon occhio la stampa di questo tipo di carte, quindi il mio giudizio è sicuramente di parte.

Che la Wizards si stia mettendo sulla strada giusta?

Vi basterà leggere al prossimo punto per capire che, se la strada è quella giusta, è ancora molto lunga!

La Wizards ci prende in giro?

Ad un primo impatto, lo abbiamo pensato tutti. Mi riferisco all’annuncio del 13/06 riguardante l’ennesimo ban in Standard. Dopo il ban “a sorpresa” di Felidar Guardian, inizia ad essere troppo per tutti. Anche in questo caso la Wizards ha specificato le sue motivazioni, più o meno valide, a supporto e giustificazione del nuovo ban. La verità è che una carta come Marvel, in Standard, è troppo scomoda. Qualsiasi magia con effetti molto forti, ma dal costo di mana elevato, può essere abusata facilmente finchè l’artefatto rimane in Standard. Bannare Ulamog, the Ceaseless Hunger poteva essere una soluzione, ma il problema si sarebbe ripresentato all’uscita di ogni nuovo set. A questo punto meglio risolverlo alla radice.

Il problema di carte come Aetherworks Marvel andrebbe però risolto prima di arrivare al ban, cioè in fase di testing. Una carta di questo power level semplicemente non doveva essere stampata così com’è. La Wizards sembra abbia smesso di fare anche quel minimo playtesting che conduceva, di solito, prima dell’uscita delle nuove espansioni. Carte come Smuggler’s Copter ed Emrakul, the Promised End sono chiaramente degli errori, e Aetherworks Marvel è stata solo l’ennesima conferma.

Spero solo che la Wizards possa imparare dai propri errori, anche se la storia finora ci insegna diversamente (Skullclamp, Stoneforge Mystic e Jace, the Mind Sculptor sono solo alcuni esempi).

Il 25° anniversario di Magic

Ixalan - Magic: the Gathering

In  occasione del 25° anniversario del gioco, la Wizards ha rilasciato i nomi delle prossime espansioni e ha annunciato l’uscita di nuovi Duel Deck, Masters set e From The Vault. Non mi sto a dilungare su questo punto, potete trovare tutti i nomi dei nuovi set al link del titolo del paragrafo.

Le novità del Pro Tour

Anche per i Pro Tour del 2018 c’è qualche piccola novità. Non si terranno più obbligatoriamente 2 settimane dopo l’uscita di un nuovo set, ma a discrezione della Wizards. Non mi sento di giudicare, ma ad occhio non mi sembra una mossa azzeccata. Vedremo se anche in questo caso torneranno indietro dopo un paio d’anni.

L’altra novità, più rilevante, è che il Pro Tour associato al set base 2018 sarà Team Trio, con un suo sistema di qualificazione particolare. Questa notizia sembra essere più interessante: credo che alla Wizars stiano facendo degli esperimenti, per cercare di focalizzare maggiormente l’attenzione dei giocatori su un evento diverso dal solito. Da quando i Pro Tour sono diventati tutti Standard + Draft (scelta a mio avviso condivisibile) immagino ci sia stato un calo d’interesse da parte di quei giocatori che seguono di più formati Eternal. Magari l’idea del Team Trio potrebbe riportare una fetta di giocatori a seguire l’evento, anche se ancora non si sa il formato di questo nuovo Pro Tour.

I risultati del GP Las Vegas

Legacy top8 Decklists
Legacy top16 Decklists

Limited top8 Decklists

Modern top8 Decklists
Modern top32 Decklists

Nonostante la mia scarsa conoscenza del Legacy, è facile notare come mazzi a base Delver, che sfruttano risorse a basso CMC e risposte efficienti siano molto popolari e molto di successo nel formato.

Per quanto riguarda il Limited, sottolineo solamente i nomi importanti nella top8: Andrew Cuneo, Mike Sigrist e Steve Rubin.

Il weekend Modern è stato dominato dalla presenza di Affinity. Un gradito ritorno per gli appassionati, un po’ meno per tutti gli altri. Le cause di questo successo sono da ricercare, come spesso accade, nella carenza di risposte giocate dagli avversari. Afinity è un mazzo sempre presente in Modern e, soprattutto, molto solido. Quando il metagame si orienta per combattere al meglio altre strategie, trascurando i robottini, questi tornano a dominare la scena.
Il successo della strategia Hatebear è da ricercare nelle ottime riposte in side contro il meta attuale (Rest in Peace, Stony Silence) e nella presenza di Thalia, Guardian of Thraben maindeck, che è in grado di rallentare parecchio Death’s Shadow. Interessante anche la presenza di una nuova variante nella forma U/B del mazzo turni. Il resto della top32 vede più o meno i classici mazzi dominanti del meta Modern attuale. Un po’ sottotono i mazzi creature-based non affinity, ottimi risultati invece per Death’s Shadow ed Eldrazi Tron.

Paupergeddon Firenze

Per tutti gli appassionati del formato, domenica 18/06 c’è stato a Firenze uno dei più importanti tornei in Italia, che ha visto più di 160 partecipanti. Scusandoci per non averlo menzionato nelle news della scorsa settimana, cercheremo di recuperare con le decklist e magari un’analisi del metagame. Rimane sintonizzati per tutti gli aggiornamenti.

Gli eventi della settimana 25

La Wizards ci propone, per il prossimo fine settimana, due eventi Team Limited. Il primo è il GP Cleveland, il secondo è il GP Sydney. Potete trovare tutte le informazioni sui due eventi ai link sopra; inoltre il GP Cleveland potrà essere seguito in diretta live su Twitch a partire da sabato.

In Italia segnaliamo il weekend del KOM – King of Magic a Bologna. Una due giorni di Standard, Modern, Legacy e Pauper. Potete trovare l’elenco completo dei tornei e come preiscriversi a questo link.

Per questa settimana mi sono dilungato anche troppo, a lunedì prossimo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *